Serve un vaso della larghezza minima di 40 cm e di una profondità di 30 cm. Se pianti origano, prezzemolo, timo ed erba cipollina, ti basta un vaso di 30 cm di lunghezza. Se sei come me che le aromatiche non ti bastano mai e ne arriva sempre una nuova da piantare, ti serve un vaso lungo. O più vasi lunghi. Metti sul fondo del vaso agriargilla o sassi e riempi il vaso di terriccio universale buono, biologico (Vedi la lettera 0 oppure la lettera 1). Se vuoi il terriccio prodotto da noi prenotalo a ortiacasatua@gmail.com. Puoi comprare le piantine già fatte. Svasa la piantina di aromatica comprata, fai un buco con una paletta nel tuo vaso e trapiantala. La pianta successiva deve essere ad un distanza di almeno 30 cm. Innaffia almeno due volte alla settimana. Se il vaso è sul balcone non serve riparo. Se è in giardino, copri la notte con tessuto non tessuto (TNT). Le aromatiche amano il sole. Ma il basilico no.
Se parti da seme ti insegniamo come fare in SERRE E VIVAIO “Semina in mini serra di Bietola da Coste, Carciofo, Sedano ed Aromatiche“.
Se non usi le miniserre da balcone, puoi seminare un pizzico di semi in un vaso grande. Copri il vaso con un vetro oppure con TNT o PVC. Innaffia ( poco) ogni due tre giorni con acqua a temperatura di casa.
Dunque cominciamo con l’ORIGANO. E’ una pianta officinale perenne e rustica che cresce a mazzetti e fa fiori rosa o lillà. Si raccoglie dopo la fioritura da luglio a settembre. In inverno si estrae dalla terra e si divide il cespo ricavandone molte piantine. Il PREZZEMOLO comune è una pianta rustica di grande forza e resistenza, ma fatica a nascere. Si taglia e ricresce per tutto l’anno. L’anno dopo va riseminato. Il TIMO è una pianta aromatica perenne che cresce a cespi. Le sue foglie sono piccole e molto profumate. Si raccoglie da giugno a novembre e si secca.

08082014serpiglio-1Durante l’inverno si può moltiplicare con la divisione dei cespi. L’ERBA CIPOLLINA ha un intenso odore e sapore. Si taglia e ricresce continuamente. Se non la tagli va a seme e fa fiori viola. Inutile seccarla perché resiste anche per l’inverno.