Aglio
Rotazione: dopo cavoli e verze
• Messa a dimora degli spicchi (meglio quelli grossi ed esterni) conficcati nel terreno con la punta verso l’alto, appena sotto terra in ottobre/novembre o gennaio/febbraio – luglio. Raccolta giugno e luglio.
• A semina primaverile: Aglio di Caraglio, Aglio rosso di Sulmona, Aglio rosso di Nubia (Slow Food)
• A semina autunnale: Aglio di Voghiera, Aglio Bianco di Vessalico (Slow Food), Piacentino

Asparago
• Messa a dimora delle zampe: marzo/aprile. Le zampe vanno collocate a 30 cm di profondità e distanti 35–50 cm una dall’altra, quindi ricoperte di 6–8 cm di terra fine mista a sabbia. Durante i primi 2 anni si distribuisce il letame sopra l’asparagiaia in autunno e lo si ricopre con un leggero strato di terra . Raccolta: 1° e 2° anno dall’impianto non bisogna raccogliere assolutamente nulla; al 3° anno solo 1-2 turioni per pianta; dal 4° anno in poi raccolta completa nei mesi di maggio-giugno.
• Bianchi: Bianco di Bassano del Grappa, Bianco di Mezzago, Bianco di Conche, Bianco di Cimadolmo, Bianco di Badoere, Bianco Friuli Venezia Giulia, Bianco di Verona, Bianco di Marola, Bianco di Zambana, Bianco di Cantello, Grosso d’Erfurt e Bianco d’Olanda.
• Verdi: Asparago verde di Altedo, Verde amaro di Montine, Verde Canino, Primaticcio e Tardivo d’Argenteeuil, Mary Washington, Colossale di Cannover
• Viola: Asparago Violetto di Albenga, Violetto di Cilavegna, Violetto d’Olanda.

Barbabietola rossa
Rotazione: dopo cavoli e leguminose
• Semina a dimora febbraio – luglio (varietà a radice tonda) giugno – luglio (varietà a radice lunga). Raccolta: mai otre tre mesi dalla semina: maggio – ottobre (a radice tonda) novembre (a radice lunga)
• A radice tonda: Quarantina Rossa Tonda, Primaticcia di Napoli, Nera Piatta d’Egitto, Rossa Piatta, Detroit, Rossa di Chioggia, Tonda di Bassano, Albina Vereduna, Barbabietola indiana, Sangiuna.
• A radice lunga: Rossa di Covent, Rossa scura di Massy, Cilindrica Crapandine, Lunga liscia, Rossa di Redpak, Lutz Greenleaf

Basilico
Rotazione: dopo cavoli e colture da radice
• Semina in semenzaio gennaio – marzo poi trapianto a dimora da metà aprile a maggio. Semina a dimora marzo – maggio. Raccolta da giugno a settembre.
• Genovese Gigante, Verde nano a foglie di lattuga, Napoletano, Mammouth, Thailandese (profumo che ricorda la menta e i chiodi di garofono) Messicano(dal sapore speziato che ricorda la cannella) Spicy Globe, Boxwood, Basilico greco cespuglioso
• Asportazione delle infiorescenze: per favorire lo sviluppo delle foglie laterali.

Bietola da Costa
Rotazione: dopo cavoli e colture da radice
• Semina a dimora marzo – maggio per raccolto estivo, giugno – agosto per raccolto invernale, trapianto luglio agosto, raccolta maggio – agosto per raccolto estivo, agosto – novembre e oltre per raccolto invernale.
• Ne esistono due tipi di “cultivar”, quelle da coste (chiamate anche coste) si consumano sia le foglie che le coste fogliari; nelle altre (dette anche erbette) le foglie hanno la prevalenza e vengono consumate come spinaci. Le varietà più comuni sono la Verde a costa d’argento, la Lucullus. Tra le varietà colorate molto bella è la Bright Lights che produce coste che virano al rosso, al rosa, al giallo e all’arancio. Oppure la Rhubarb Chard dalle coste rosse.

Broccolo
Rotazione: dopo ortaggi da foglia o leguminose
• Semina in semenzaio aprile – giugno, trapianto luglio – agosto (40 giorni dopo la semina) raccolta settembre – maggio (broccoli a testa) maggio – agosto broccoli ramosi.
• Varietà: i ramosi, che producono molte piccole infiorescenze sparpagliate
• I broccoli a testa, simili al cavolfiore, con infiorescenze un po’ meno compatte.
• Ramosi: Nero di Napoli, Marie di Bordeaux, Ramoso di Ruvo,
• A testa: Capoccione, Romanesco gigante, Broccoletto di Verona, Gigante di Corno, Broccolo pugliese, di Napoli.
• Un cenno particolare merita il Broccolo Fiolaro, il cui nome deriva dalla presenza di germogli inseriti lungo il fusto della pianta, conosciuti con il termine vicentino di “fioi” figli. Il più conosciuto è il Broccolo fiolaro di Creazzo.
Carciofo
Rotazione: dopo pomodoro, melanzana o carote
• Semina in semenzaio marzo- aprile, trapianto luglio agosto, raccolta marzo giugno del secondo anno dopo l’impianto, la produzione dura 8-10 anni. Si possono trapiantare anche i “carducci” (germogli basali) o gli “ovuli) (pezzi di rizoma con 1 oppure più gemme) Trapiantare i carducci in luglio agosto per la produzione invernale e settembre ottobre (al centro nord) per la produzione primaverile
• Le varietà si dividono in spinosi o inermi, verdi o violetti, autunnali o primaverili. Fra le varietà più famose ricordiamo il Brindisino, il Paestum, lo Spinoso sardo (anche in Liguria come spinoso d’Albenga) il Catanese, il Verde di Palermo, la Mammola Verde, il Romanesco, il Mazzaferrata di Cupello, il Violetto di Toscana, il Precoce di Chioggia, il Violetto di Provenza, il Violetto di Niscemi.

• Asportazione delle teste: al primo anno non appena compaiono per favorire lo sviluppo vegetativo.
• Scardacciatura eliminazione di tutti i germogli laterali che spuntano intorno alla pianta (generalmente in autunno) lasciandone soltanto uno o due fra i più vigorosi

Cardo
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o leguminose
• Semina da aprile a maggio a dimora in fosse distanti 100 cm. Raccolta ottobre – marzo
• Il Cardo Gobbo di Nizza prende il nome dalla forma che prende quando viene piegato e ricoperto di terra per l’imbianchimento, Cardo di Bologna, privo di spine, Cardo di Chieri, Cardo di Tours pregiato ma spinoso, Cardo Gigante di Romagna, Bianco Avorio o di Spagna, Grosso di Milano.

• Sbiancatura: dura una trentina di giorni e può essere fatta in tre modi:
• Fasciatura della pianta, previa legatura del fogliame, con fogli di polietilene nero;
• Rincalzatura della pianta con la terra laterale della fossa, ricoprendo i cardi per oltre 2/3 della loro altezza;
• Infossamento della pianta, piegata fino a terra, legata e sotterrata per 2/3 della lunghezza. Nell’abbassare la pianta si fa in modo che la pianta non si stacchi completamente dalla radice.

Carota
Rotazione: dopo cavoli e verze
• A radice corta: Tonda parigina, Rossa corta d’Olanda, Rossa corta primaticcia, Rossa corta precoce. Negli ultimi anni si coltivano carote Baby per surgelazione,
• A radice media: Carota Novella di Ispica, Mezzalunga Chantenay, di Carentan, Plastika, Nantese, Dolce cuore
• A radice lunga: Carota dell’altopiano del fucino, Carota di Napoli, di Atringham, di Meaux, Lunga di Ventimiglia, Gigante Rossa, Tunchon, Berlicum, Lunga di Albenga
• Sono in fase di sviluppo nuove varietà di colore viola.

Cavolfiore
Rotazione: dopo ortaggi da foglia, da frutto e da seme
• Di primo raccolto: Semina maggio-giugno, trapianto luglio, raccolta ottobre: Precoce di Jesi, Primaticcio di Toscana, palla di Neve, Master, Nano precocissimo di Erfurt, Pisano di Prima mano.
• Di secondo raccolto: Semina maggio-giugno, trapianto luglio, raccolta novembre – dicembre: Salomon, Gigante di Napoli, Precoce di Loubain, Progress, Igloo, Snow Ball, Pisano di seconda mano.
• Di terzo raccolto: Semina metà giugno, trapianto metà agosto, raccolta febbraio: Wait, Top, Tolmu, Carnevalesco, Pisano di Terza mano.
• Di quarto raccolto: Semina metà giugno, trapianto metà agosto, raccolta marzo: Gigante di Napoli, Marzatico, Pisano di San Giuseppe.

Cavolino di Bruxelles
Rotazione: dopo leguminose, insalate, pomodoro
• Precoci: Perfection, Indra semina metà marzo, trapianto maggio, raccolta settembre dicembre
• Tardive: Sygmund, Frigostar, Jade Cross. Semina aprile, trapianto giugno, raccolta novembre marzo.

Cavolo Cappuccio
Rotazione: dopo leguminose, insalate, pomodoro
• A maturazione primaverile: semina luglio – agosto, trapianto settembre, raccolta aprile- giugno: di York piccolo precoce, di York grosso, Cuor di Bue, Precoce d’Entapes
• A maturazione estiva: semina febbraio – marzo, trapianto aprile-giugno, raccolta luglio-settembre d’Olanda, Rotondo di Pisa, Quintale d’Alvernia
• A maturazione autunnale: semina marzo/aprile, trapianto maggio – luglio, raccolta ottobre-dicembre Bianco di Braunschweig, Quintale d’Alsazia, Rosso Grosso
• A maturazione invernale: semina aprile-maggio, trapianto luglio, raccolta dicembre – febbraio: d’Olanda tardivo, Ameger

Cavolo Verza
Rotazione: dopo leguminose, insalate, pomodoro
• Semina febbraio – luglio, trapianto aprile – agosto, raccolta settembre – maggio: Verza di Milano, Testa di ferro, Invernale di Piacenza, Savoy King, Herba, Halgra, Harda

Cavolo Cinese
Rotazione: dopo piselli, insalate.
• Semina da luglio in poi, trapianto dopo 40 giorni, raccolta settembre – ottobre prima della fioritura altrimenti la pianta non è più commestibile:
• Varietà: Pe-tsai (il più conosciuto), Pack-choi o Bok choy, originari della Cina, assomiglia al sedano e al cardo, si presenta con steli bianchi succosi, croccanti e dal sapore dolce, mentre le foglie hanno colore verde intenso e sapore delicato.
• Gai lon, chiamato anche tsai shim o broccolo cinese, che poi di fatto è realmente un broccolo) del quale si consumano le foglie e i sottili steli fiorali, è considerato fra i cavoli quello dal sapore più delicato.
• Chihili, Nagoaka, Wong- Bok
• La legatura delle foglie: non appena comincia a formarsi il cuore, per mantenere la compattezza (farla solo quando le foglie sono bene asciutte.

Cece
Rotazione: dopo cavoli, peperoni e melanzane
• Semina a novembre e marzo – aprile a dimora. Raccolta da giugno a settembre
• Varietà: Le varietà di ceci sono molto numerose ma le due più conosciute e diffuse sono il cece Kabul e il Desi. In Italia poi assumono altri nomi.
• Raccolta: si raccoglie fresco e si sgrana come un pisello, ogni baccello contiene uno o massimo due ceci. Si consiglia di lasciarlo seccare sulla pianta e di togliere l’intera pianta lasciandola asciugare all’ombra su un telo. Poi si batte e si soffia o si aspetta il vento per pulire il cece.
• Il cece non sopporta terreni troppo fertili i quali gli comportano una bassa allegagione

Cetriolo
Rotazione: colture da radice
• Semina febbraio marzo in semenzaio, aprile a dimora, trapianto aprile – maggio, raccolta da giugno a settembre
• A frutto grosso: Cetriolo Verde lungo delle cascine (precoce), Lungo della Cina, Rollison’s Telegraph, Corto Bianco o Palla di Neve (precoce) Torpedo (precoce) Marketer (medio precoce), Cubit (precoce) Ashley (precoce, resistente, vigoroso)
• A frutto piccolo da sottaceto: piccolo verde di Parigi, Bianco da sottaceti, Fino di Meaux, Cetriolo di Pozzuoli, Migliorato di Bourbonne.
• Ibridi giapponesi: Cultivar ginoiche (senza fiori maschili): Matro F1 (precoce) Nadir Hybrid F1.

• La potatura verde: eliminazione dell’apice dopo la 6°-7° foglia per favorire la formazione di getti laterali. Eventuale cimatura anche dei getti laterali sopra la 6°-7° foglia se non producono frutti. Gradisce la consociazione con insalate e cipolle

Cicoria e radicchio
Rotazione: dopo colture da tubero o radice.
• Semina in semenzaio da marzo ad agosto. Le varietà da taglio si seminano a spaglio, quelle da cespo e da forzare si seminano a file. Trapianto (per le varietà da forzare: agosto/settembre. Raccolta da ottobre a gennaio.
• Verdi da cespo: a grumolo, Pan di Zucchero, Cicoria romana, Brindisina (detta anche catalogna da cuocere)
• Rossi da cespo: Variegato di Castelfranco, Rosso di Treviso, di Chioggia, di Verona, Radicchio rosso di Asigliano.
• Con grosse radici: di Bruxelles, Maydeburgo, Brunswich, Pont de Pierre;
• Da taglio: Triestina, Spadona, Comune da taglio;
• Da forzare: Rosso di Treviso, di Castelfranco, Pan di Zucchero, Cuor Pieno, di Soncino.
La forzatura: si estraggono le piante in ottobre – novembre con il forcone. Si spunta il fittone e si tagliano le foglie a circa 2 cm dalla radice, Quindi si piantano in casse o in vasi contenenti torba o terriccio, una accanto all’altra. Le casse vengono poi poste in ambiente caldo, umido e buio. Dopo una trentina di giorni i
germogli saranno lunghi 15 – 20 cm e pronti per essere raccolti.

Cipolla
Rotazione: dopo cavoli o verze o leguminose

• Semina: le varietà primaverili si seminano in luglio e si trapiantano in settembre – ottobre . Le varietà autunno-vernine si seminano a marzo e si lasciano a dimora . Raccolta: varietà primaverili – estive giugno – luglio; varietà atunno–vernine agosto settembre
• Primaverili estive: Bianca di maggio, Tonda di giugno, Bianca di Pompei, Rossa di tropea, Rossa Acquaviva di della Fonti, di Suasa, di Certaldo, Ramata di Montoro, Rossa di Breme, di Banari.
• Autunno vernine: Dorata di Parma, Ramata di Milano, di Cannara, Dolce di Cevennes
• Da sottaceto: Della regina, Bianca di Barletta, di Ivrea, Borettana, di Brunate.;
• Da forzare: Rosso di Treviso, di Castelfranco, Pan di Zucchero, Cuor Pieno, di Soncino.
Irrigazione: molto oculata (meglio pochi e abbondanti interventi che irrigazioni modeste e ripetute. La cipolla male sopporta la somministrazione di letame, meglio fare la concimazione organica alla coltura precedente.

Cocomero o Anguria
Rotazione: dopo cavoli o verze o carote.
• Semina in semenzaio a marzo, trapianto a maggio, raccolta da luglio a settembre
• Varietà: Charleston gray (con frutto allungato, buccia chiara, polpa rossa) Cinquantina (frutto piccolo e molto precoce) Grossissima di Fontarronco (molto grande, con polpa rossa) Romagnola (vigorosa e resistente alle malattie) Striata di Klondike, Cremonese, 333 e Super Sweet (con frutti senza semi), Sugar Baby, Crimson Sweet, Anguria di Novellare, Anguria reggiana.
Potatura verde: cimatura del getto principale alla comparsa della 6° foglia

Crescione
Rotazione: dopo piante da tubero o da radice
• Semina a dimora a marzo crescione dei prati a raccolto estivo (maggio), settembre crescione a raccolto invernale (novembre), marzo crescione d’acqua a raccolta da giugno
Il crescione più pregiato è il Nasturtium officinale o crescione d’acqua, utilizzato per insaporire insalate ma anche per preparati medicinali per proprietà depurative, digestive. Tipica l’associazione alla piadina romagnola, chiamata Crescione.

Fagioli e Fagiolini
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina: nani: da fine marzo a tutto luglio; rampicanti e da sgusciare: dai primi di aprile a tutto luglio. Raccolta dopo 55-65 giorni dalla semina per i fagioli nani e rampicanti mangiatutto; dopo 65-75 giorni dalla semina per le varietà da sgusciare.
Palatura: solo per le varietà rampicanti consiste nel piantare dei tutori ai lati della fila (frasche o apposite reti di plastica). Irrigare abbondantemente durante la fioritura. Quando la pianta ha raggiunto una certa altezza fare la cimatura del germoglio principale in modo da stimolare i ricacci laterali e favorire una fioritura più abbondante.

Fava
Rotazione: dopo cavoli, peperoni e melanzane
• La semina autunnale va fatta in modo che le piantine abbiano raggiunto lo stadio di 3-5 foglie prima dell’arrivo dei freddi. Nelle regioni centrali l’epoca ottimale di semina è tra ottobre e novembre; in quelle meridionali la seconda decade di novembre.
Le semine primaverili (in realtà a fine inverno) vanno fatte quanto prima possibile per anticipare il ciclo e sfuggire alla siccità.
• Varietà: Qui da noi si trova quasi esclusivamente la varietà Aguaduice con un baccello di circa 30 cm e 7-8 semi per baccello
• Raccolta: si raccoglie fresco e si sgrana come un pisello. Si sconsiglia di lasciarlo seccare sulla pianta
• La fava si adatta a tutti i terreni ma viene assalita dai pidocchi quando è in fase di allegazione. Si consiglia di tagliare la testa quando ha raggiunto il metro e ha già i primi baccelli e molti fiori.

Finocchio
Rotazione: dopo cipolle, piselli, ortaggi da tubero
• Semina: a dimora luglio – agosto per la raccolta dicembre- marzo; in semenzaio a luglio/agosto con trapianto autunnale e raccolta ottobre/novembre.
• Varietà: Bianco perfezione (precoce, la raccolta avviene in luglio e agosto) Gigante di Napoli, Grosso di Sicilia, Dolce di Parma (varietà invernale raccolta da settembre a dicembre) Dolce di Firenze, Grosso di Chioggia, Dolce pugliese, Finocchio di Fracchia.
Concimazione organica: letame molto maturo in ragione di 5-5 kg al mq interrato con la vangatura

Fragola
Rotazione: dopo ortaggi da foglia, leguminose.
• Trapianto: Luglio e agosto per la produzione della primavera successiva. Si possono riprodurre gli “stoloni”, cioè le nuove propaggini auto radicate che con facilità di sviluppano dalla piante madri. Raccolta: varietà non rifiorenti: aprile-giugno; rifiorenti aprile –settembre
• Varietà a frutto grosso precoci: Early, Dawn, Gea.
• a frutto grosso medio-precoci: Pochaontas, Red Chief, Gorella, Cesena
• a frutto grosso medio-tardive: Ferrara, Etna, Belrubi, Red Gaunlet
• rampicanti: Mount Everest
• rifiorenti: Quattro Stagioni, Meraviglia di Francia, Hummigento, S.Giuseppe, Ozark, Besuty, Rabunda.
• Fragoline: di Bosco di Marsala, di Maletto e Carchitti (Lazio)
Impianto: formare dei colmi di circa 80 cm alti 30 cm e coprire con pacciamatura film nylon nero con buchi. La fragola non gradisce letame direttamente sulla coltura ma vuole un terreno ben letamata dalla coltura precedente. Se possibile mettere l’impianto in posizione parzialmente ombreggiata. Irrigazione: inserire delle manichette sotto la pacciamatura

Indivie e Scarole
Rotazione: dopo colture da tubero o da radice.
• Semina a dimora: da marzo ad agosto con raccolta dopo 10 giorni dall’imbiancamento se l’operazione di fa in estate – autunno e dopo 2-3 settimane dall’imbiancamento in inverno
• Varietà riccia: Riccia fine d’estate, Riccia fine di Ruen, grossa di Pancalieri, d’Italia, Cuor d’oro o Mantovana, d’inverno, Rossa di Moncalieri a costa bianca e rosa;
• Scarole: Indivia di Bergamo, Radichhia di Lucca, Gigante degli ortolani, Dilusia, Bionda a cuore pieno, Cornetto di Bordeaux
• Indivia Belga: o cicoria di Bruxelles è una varietà di indivia che mediante un particolare metodo di forzatura acquisisce una forma a fusto o a sigaro e una consistenza croccante e un sapore dolce.

Forzatura imbianchimento: le foglie dell’indivia sono un po’ amare ed è preferibile imbiancarle. L’operazione va fatta in un giorno di sole per evitare il pericolo di marciumi. Si legano le foglie con un filo di rafia, quando le stesse si coprono con un vaso o un altro recipiente capovolto in modo da procurare l’assoluto oscuramento

Lattuga
Rotazione: dopo colture da tubero o da radice.
• Semina a dimora: Varietà estive: da marzo a settembre. Varietà resistenti al freddo: settembre Varietà da forzare: agosto e si trapiantano in settembre in serra.
• Raccolta: Varietà estive: giugno-ottobre. Varietà resistenti al freddo: aprile – maggio. Varietà da forzare: novembre – dicembre
• Varietà da taglio: Lattuga Bionda, Ghiacciola, Lattughino;
• Da cespo a semina primaverile (cappucce e romane): Aurelia, Regina di Maggio, Regina degli ortolani, Appia, Meraviglia delle 4 stagioni (resistente al freddo);
• Da cespo a semina estiva (cappucce e romane): Emilia, Trocadero, Super Moda, Bruna di Germania, Batavia Bionda, di Firenze, Bianca Gigante;
• Da cespo a semina estiva – autunnale (cappucce e romane): Bionda di Germania, Trocadero Nero, Great Lake Verde, Bionda e Rossa da inverno, Insalata di Lusia nelle due varietà: Capitata o Cappuccia e Crispa o Gentile.

Melanzana
Rotazione: dopo cavoli, colture da tubero/radice.
• Semina in semenzaio: Varietà estive: marzo/aprile. Trapianto: maggio/giugno. Raccolta a scalare: da giugno a ottobre.
• Varietà a frutto tondo: Black Beauty, Tonda Comune di Firenze, Sabelle RZ F1, Tonda Nera, Tonda Bianca, Tonda Lilla, Porsperosa, Lety, di Murcia, Baffa, Bella Vittoria, Palermitana, Zuccherina.
• A frutto ovale: Bianca Ovale, Galine, Jersey king, Giotto, Mostruosa di New York, larga Morada, Durona Calice Nero, Ovale Tipologia Maya, Seta Violetta Lunga;
• A frutto lungo: Violetta lunga (Napoletana, Palerminata, di Rimini, Nana Precoce, Lunga Nera di Chioggia, Barlui, Morella, Mary, Ideal, Mirabelle, Perlina, Precoce di Barbentane;
• Melanzana Rossa di Rotonda in Basilicata: con una forma simile a un pomodoro, colore rosso arancione e sapore leggermente piccante
• Potatura Verde: eliminazione dei germogli sterili ai piedi della pianta e soppressione delle foglie basali che ingialliscono. Per avere un secondo raccolto tagliare tutte le branche poco sopra la loro impalcatura, asportare tutte le foglie e concimare con un ammendante 20-10-10.
• Impalatura: con sostegni di legno alti 1 metro per impedire che il peso capovolga la pianta e scopra le radici.

Melone
Rotazione: dopo colture da tubero e da radice.
• Semina in semenzaio: marzo – aprile. Trapianto: aprile – maggio . Raccolta: luglio – settembre quando il picciolo tende a staccarsi e il frutto emana un profumo dolce e gradevole.
• Varietà estiva a polpa liscia (Cantalupo) e Retati:: Mantovano, Anish, Boheme, Brigante, Charentais, Prescott, Capitol, Dalton, Retato degli Ortolani, Ananasso, Tazio, Macigno, Talento, Giusto, Harper, Honey Moon, Bari F1;
• Invernali: (a maturazione 2-3 mesi dopo la raccolta) Gigante di Napoli, Helios o Melone Giallo, Meraviglia di Trapani, Maltese, Morettino, Zecchino.
• Meloni Siciliani di Pachino: Red Moon, Magenta, Tiburzi, Proteo, Armatan
• Cimatura: quando le piantine hanno 5-6 foglie si cimano sopra la 2°-3° foglia per stimolare la formazione delle ramificazioni di quarto ordine, fruttifere, Seguirà una seconda cimatura quando le diramazioni avranno 3 foglie.
• Irrigazione: non troppo frequente. Sospendere in prossimità della raccolta.

Patata
Rotazione: dopo i cavoli.
• Pregerminazione: per anticipare la produzione e per avere un raccolto più abbondante mettere le patate da seme in cassette per la frutta a singoli strati, in ambiente tiepido (15 – 18 °) ben arieggiato e illuminato. Epoca di pregerminazione: varietà precoci: dicembre gennaio; varietà semiprecoci: gennaio; da raccolto principale: gennaio.
• Semina: varietà precoci: febbraio, marzo; semiprecoci: inizio marzo; da raccolto principale: fine marzo.
• Raccolta: varietà precoci: maggio/giugno; semiprecoci: luglio/agosto; da raccolto principale: luglio/agosto.
• Varietà precoce:: Ostara, Primura, Bea, Sisrtema, Jaerla;
• Semiprecoci: Spunta, Tonda di Berlino, Saskia, Monnalisa, Kennebek
• Da raccolto principale: Bintje, Maestic, Desiree, Kennebek
• Colore e Pasta: Tre sono i colori principali delle patate: bianca, gialla e rossa. Le patate a pasta bianca sono farinose e adatte a sformati e purè. Quelle a pasta gialla e rossa sono adatte al forno, in padella e arrosto.
• Dorifora: E’ un insetto prima giallo e nero e poi rosso aranciato che mangia tutte le foglie e impedisce la maturazione. Togliere gli insetti uno ad uno e le uova gialle che depongono nel retro delle foglie. Oppure usare insetticidi specifici.

Peperone
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina in semenzaio: gennaio – marzo; Trapianto: maggio – giugno: Raccolta: a scalare da giugno a ottobre
• Varietà a forma quadrangolare: Giallo di San Valentino, Giallo quadrato dolce di Nocera, Rosso quadrato dolce di Nocera, Giallo quadrato d’Asti, Rosso quadrato d’Asti, Ercole rosso, Ercole giallo d’oro, Braidese rosso e Braidese giallo, California Wonder, Yolo Wonder, Topedo, Piccolo Peperone di copriglio, a forma di cuore.
• A forma allungata: Lungo Marconi, Lungo di Chiasso, Proboscide d’Elefante, Corno di Toro, Toro di Spagna, Verticus, di Senise, Lungo di Nocera, Pontecorvo, Corno di Bue di Carmagnola;
• A forma allungata piccanti: di Cajenna, Paprika;
• A forma allungata dolci per sottaceti: Peperoncino lungo, Sottile dolce per sottaceti, Sigaretta, Lungo del Veneto, Spagnolino dolce;
• A forma troncata o conica: adatti per sottaceti: Quadrato piccolo del Veneto, Piccolo di Firenze, Parigino, Pimento, Nano quadratino d’Asti, Monchetto, Superpiccante diavolicchio calabrese.
• Palatura: con sostegni di legno alti 1 metro.
• Potatura: (eventuale) cimatura delle piante sopra le prime 5 – 6 ramificazioni secondarie e cimatura di queste sopra la 3°-4° infiorescenza (per anticipare la produzione e avere peperoni più grossi).

Pisello
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina a dimora: si scava una piccola trincea larga 10-12 cm e profonda 4-5 cm. Sul fondo si depositano i semi su file parallele, distanti 10 cm. Si richiude il solco e lo si protegge con paglia o frasche per nascondere il seme agli uccelli. Semina varietà nana: marzo – maggio. Semina varietà rampicanti precoci: ottobre- novembre e anche marzo maggio. Raccolta varietà nane: giugno – settembre; varietà tardive settembre – ottobre; da raccolto principale: giugno – settembre; precoci: aprile – maggio
• Varietà Nana precoce: d’Annonay, Sole di Sicilia, Orfeo, Precocissimo; Laxton, Progress, Meraviglia d’America, Artel, Dolce di Provenza, Meraviglia d’Italia, Primavera;
• Semirampicanti: Lincoln, Alderman, Lavagna, Espresso Generoso, Senatore, Principe Alberto, Serpentin, Biso di Lumignano, di Casalborgone con le vecchie varietà Quarantin, Casalòt e Barchetta, Biso di Peseggia, Pisello di Borso del Grappa;;
• Rampicanti: Telefono, Genovese, Cristoforo Colombo, Bacellone di Firenze, Gordon Bleu, serpente Verde e Bianco, Gigante svizzero tardivo, Lavagna.;.
• Palatura: per varietà rampicanti con frasche o rete alte 1,50 mt .

Pomodoro
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina in semenzaio: gennaio – febbraio; Trapianto: metà aprile – maggio. Raccolta: a scalare da giugno a ottobre.
• Varietà da tavola tondi: Fandango, Carmelo, Royal, Montecarlo, Java, Unicum, san Pietro, Insalataro, Marmande, Cerrato, di Belmonte Calabro, di Pachino con le varietà Ciliegino, Costoluto, Tondo liscio e Grappolo, Camone sardo;
• Ta tavola lunghi: San Marzano, Napoli, Roma;
• A pera: Meteor, Ventura;
• Da conserva: Cuor di Bue, Marmande, Red Top, San Marzano, Lampadina, Super Roma, Canestrino di Lucca, Perla d’Abruzzo, Naram, Regina di Torre Canne
• Da succo: Marglobe.
• A grappolo: Console, Ciliegia,Suncherry, Pepe, Chipano, Pomodorino Vesuviano, Brired
• Palatura e sostegno: a fianco di ogni pianta va posto un tutore costituito da pali di legno o canne alla quale la pianta va legata man mano che cresce.
• Cimatura della pianta dopo il 4° palco di frutti.
• Scacchiatura: eliminazione dei getti che crescono sul ramo principale nelle ascelle fra il ramo stesso e le foglie

Porro
Rotazione: dopo cavoli, verze e leguminose.
• Semina in semenzaio: a raccolta estiva dicembre/gennaio; a raccolta autunno/inverno: febbraio – marzo; Trapianto: a raccolto estivo febbraio/marzo; a raccolta autunno – inverno: aprile – giugno. Alla piantine da trapiantare vanno spuntate le foglie e le radici prima della messa a dimora. Raccolta estiva: giugno – settembre; raccolta autunno – inverno: ottobre – maggio.
• Varietà a raccolta estiva: Grosso corto d’estate, Grosso d’ Italia, Gigante di Ostia;
• A raccolta autunno – inverno: Lungo bianco d’Inverno, Mostruoso di Carentan, Bkeu de Solaise, Solais Violet, Large American Flag;
• Porro di Cervere

Prezzemolo
Rotazione: dopo ortaggi da radice o cavoli
• Semina a dimora: aprile- maggio per raccolta estiva e varietà da radice; luglio/agosto per raccolto invernale – primaverile. Per favorire la germinazione del seme che si protrae per circa 1 mese tenere il terreno coperto con un sacco di canapa sempre bagnato. Raccolta estiva: giugno – ottobre; raccolto invernale/primaverile: novembre – maggio
• Varietà da foglie: Comune, di Napoli, Riccio, Verde scuro, Paramount, Nano riccio, Gigante, Gigante di Genova, Gigante d’Italia, Gigante di Napoli;
• Varietà da radice: Prezzemolo d’Amburgo;
• Taglio periodico: di tutti gli steli per impedire che vada a seme

Rafano o Cren
Nessuna Rotazione perché pianta perenne
• Semina a dimora o trapianto: marzo. Si piantano i fittoni raccolti in luoghi ove la pianta cresce spontanea. Introdurre le radici ad una profondità di 30-35 cm. E’ una pianta infestante e si possono togliere le radici ogni autunno. Raccolta: settembre – novembre
• Varietà da foglie: Comune, di Napoli, Riccio, Verde scuro, Paramount, Nano riccio, Gigante, Gigante di Genova, Gigante d’Italia, Gigante di Napoli;
• Varietà da radice: Prezzemolo d’Amburgo;
• Taglio periodico: di tutti gli steli per impedire che vada a seme

Rapa
Rotazione: dopo cavoli o leguminose.
• Semina a dimora: Varietà da radice da marzo ad agosto; Varietà da Broccoli: agosto Raccolta: Varietà da radice quando la radice ha le dimensioni di una palla da tennis; Varietà di Broccolo, nella primavera successiva
• Varietà da radice: Bianca Piatta, Norfolk, Navone, Delle virtù, Precocissima d’olanda, Palla di Neve, Viola del Circeo, Yorii Springs, rapa di Coprauna;
• Rapa da Broccoli: Precocissima di Napoli, Precocissima di Bari, Precoce e tardiva di Bari;

Ravanello
Rotazione: dopo qualsiasi coltura. Consociare con insalate, carote e piselli.
• Semina a dimora: da marzo a settembre. Raccolta: dopo 40 giorni
• Varietà a radice rotonda: Non Plus Ultra, Migliorato delle Cascine, Tondo a grande e piccola punta, Saxa, Inca, Cader, Nartas, Cappuccetto Rosso;
• A radice lunga: Candela di fuoco, Flamboyant, Candela di ghiaccio, Perfection, Mezzo lungo rosso e scarlatto.

Rucola
Rotazione: dopo colture da tubero, insalate o cavoli
• Semina a dimora: da marzo a settembre con interruzione nel periodo più caldo e secco
• Raccolta: da giugno in poi. Si recidono le foglie a 6- 7 cm da terra prima che la pianta vada a fiore. Si fanno anche 7 raccolti all’anno.
• Varietà coltivata: specie annuale con foglie larghe arrotondate e fiori bianchi;
• Rucola selvatica: pianta perenne, rustica con foglie allungate e frastagliate e fiori gialli

Scalogno
Rotazione: dopo leguminose, cavoli e verze.
• Semina a dimora: in autunno o a febbraio. Raccolta: giugno luglio quando la parte aerea è completamente secca.
• Varietà rosa: Scalogno di Jersey, Pesandor, Rondeline;
• Grigi Griselle e Grisor;
• Viola: di Romagna, Arvro, Germor, Longor;
• Gialli: di origine olandese
• Il bulbillo dello scalogno anziché ingrossarsi produce una serie di bulbi laterali di circa 3-4 cm

Scorzabianca e Scorzanera
Rotazione: dopo leguminose, cavoli e verze.
• Semina a dimora: marzo, maggio. Raccolta: da ottobre in poi
• Varietà Scorzabianca: Gigante di Russia, Bianca migliorata, Mammouth a fiore rosa, Bianca a fiori Blu;;
• Scorzanera: Gigante di Russia, Nera .

Sedano
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina in semenzaio: marzo per il primo raccolto, aprile per il 2° raccolto; Trapianto per il primo raccolto maggio – giugno, per il secondo raccolto fine giugno – maggio. Raccolta: primo raccolto: agosto – settembre; secondo raccolto: settembre/ottobre.
• Semina varietà da imbiancare: marzo per il primo raccolto, metà Aprile per il 2° raccolto. Trapianto per il primo raccolto fine maggio, per il secondo raccolto metà aprile – maggio. Il trapianto va fatto in trincee preparate durante l’inverno larghe 30-40 cm e profonde 15 – 20 cm. Quando le piante nelle trincee sono alte 30–40 cm si legano con fogli di polietilene nero e si fa la prima rincalzatura. A distanza di 3-4 settimane si fa la seconda e terza rincalzatura in modo da coprire interamente i cespi con la terra laterale delle trincee. Raccolta: primo raccolto: settembre – ottobre; secondo raccolto: ottobre – febbraio .
• Varietà sedano da costa: Dorato d’Asti, Rosso di Orbassano, Nero di Trevi, Bianco Dorato, Gold Self Blanching, Bianco di Sperlonga, Canna piena d’ Inverno, Pascal, Piemontese, Golden Plume, Verde di Perpignano, Verde di Chioggia, Gigante di Romagna, Verga d’Oro, Perla, Utah, Lepage;
• Sedano Rapa: Gigante di Praga, palla di marmo, bianco del Veneto;

Zucca
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina a dimora: maggio a postarelle con 2 – 3 semi; Diradamento: si lascia solo una piantina. Raccolta: da luglio a ottobre.
• Varietà: piena lunga di Napoli, Violina, Turbante, Marina di Chioggia, Gialla Mammouth, Quintale, Grigia di Bologna, Delica, Piena di Napoli, Moscata di Provenza, Avalon, di Rocchetta.
• Palatura e sostegno: per le varietà rampicanti.
• Cimatura della pianta quando il corsone principale ha raggiunto il 1,5 metri.
• Irrigazione: sospendere quando i frutti sono in maturazione.

Zucchino
Rotazione: dopo ortaggi da tubero o da radice.
• Semina a postarella: da aprile ad agosto con 2 – 3 semi; Diradamento: si lascia solo una piantina. Raccolta: a scalare da giugno a settembre .
• Varietà locali: Bolognese, Genovese, Striata d’Italia, Verde d’Italia, Tonda di Piacenza, Lunga Bianca di Palermo, di Rivalta Bormida, Cucuzzella di Napoli
• Fiori maschili: Sono ottimi i fiori senza frutto che si raccolgono al mattino. Bisogna lasciarne sempr qualcuno per l’impollinazione .
• Cimatura della pianta quando il corsone principale ha raggiunto il 1,5 metri.
• Irrigazione: frequente durante il periodo estivo senza bagnare le foglir.